Opportunità Garanzia Giovani a Oasi2

Opportunità garanzia giovaniLa Comunità Oasi2 San Francesco offre la possibilità di effettuare un periodo di tirocinio presso uno dei propri servizi, grazie a Garanzia Giovani.

Se sei quindi un giovane tra i 15 e i 29 anni, residente in Italia, cittadino comunitario o straniero extra UE, regolarmente soggiornante, non impegnato in un’attività lavorativa né inserito in un corso scolastico o formativo, potrai accedere a Garanzia Giovani e così entrare a contatto con la Comunità Oasi2 San Francesco Onlus. Impegnata da più di 30 anni nei settori delle dipendenze patologiche, delle migrazioni, della prevenzione e promozione del benessere, oltreché della ricerca e innovazione sociale, la Comunità Oasi2 cerca, in particolare, tirocinanti da inserire nei servizi socio-sanitari e di assistenza sociale. In particolare, siamo attualmente interessati a figure da formare in questi ambiti professionali:

  • operatori per la manutenzione e la cura del verde da impegnare in progetti di agricoltura sociale
  • addetti alla segreteria, per attività di front office e accoglienza

Insieme alle opportunità legate a Garanzia Giovani, sarà possibile attivare anche altre forme di volontariato e tirocinio.

La Comunità Oasi2 San Francesco Onlus ha sede nel centro storico di Trani. Tutte le informazioni sui servizi e i progetti attivi è possibile visitare il sito www.oasi2.it. Per inviare il proprio cv, è sufficiente inviare una mail all’indirizzo centrostudi@oasi2.it e all’indirizzo hr@oasi2.it

Prima conferenza nazionale delle operatrici e degli operatori SPRAR

Sprar RomaCi siamo anche noi alla Prima conferenza nazionale delle operatrici e degli operatori SPRAR in corso oggi e domani (lunedì 19 e martedì 20 febbraio) a Roma.

L’appuntamento, rivolto a rappresentanti di tutti i progetti SPRAR, è volto a cementare un linguaggio comune e una consapevolezza su quegli aspetti che caratterizzano, in ciascun progetto, il cosiddetto “modello SPRAR”, oramai ampiamente riconosciuto anche fuori dai confini nazionali, proprio a partire dalle figure professionali coinvolte.

Sono gli operatori dei progetti che, nel quadro di natura pubblica garantita dalla titolarità dei Comuni, portano avanti la rete SPRAR con una professionalità e una dedizione che richiede di essere riconosciuta, raccontata e scambiata.

Il programma completo della due giorni è disponibile qui: http://bit.ly/2okZqiK

Tutti nel borgo antico a Bisceglie. Sensibilizzazione contro le dipendenze

Tutti nel borgo antico a Bisceglie

Una serata di informazione e sensibilizzazione contro le dipendenze da sostanze, alcol e gioco d’azzardo. Stasera, venerdì 9 febbraio, dalle 22 in poi, 10 operatori del progetto ‘Dedalo e Icaro’ per la prevenzione, la cura e la riabilitazione delle persone con dipendenza patologica, saranno a Bisceglie, nei luoghi della movida, per incontrare giovani e giovanissimi.
L’appuntamento è in via Cardinale dell’Olio, angolo via Tupputi, nel cuore del borgo antico. Sarà allestito un punto informativo per la distribuzione di materiale e per un primo contatto con giovani e adolescenti, così come già realizzato a dicembre nel centro storico di Trani.
L’iniziativa rientra fra le attività del progetto Dedalo e Icaro, centro aperto a bassa soglia e unità di strada, per persone dipendenti da sostanze, alcol e da gioco, attivo per il territorio di Trani – Bisceglie, finanziato dall’ambito di zona dei due comuni, e gestito dalla Comunità Oasi2 San Francesco Onlus. Collaborano all’iniziativa gli esercenti e i gestori dei locali e delle attività commerciali che hanno deciso di sostenere l’iniziativa.

Giornata Mondiale contro la Tratta. Garantire protezione e assistenza alle vittime

 Altro 1 di 7.819 Giornata Mondiale contro la TrattaRicorre oggi la Giornata Mondiale di Preghiera e Riflessione contro la Tratta. Papa Francesco l’ha ricordato ieri, in occasione dell’udienza generale: «Avendo poche possibilità di canali regolari – ha precisato il Santo Padre – molti migranti decidono di avventurarsi per altre vie, dove spesso li attendono abusi di ogni genere, sfruttamento e riduzione in schiavitù. Le organizzazioni criminali, dedite alla tratta di persone, usano queste rotte migratorie per nascondere le proprie vittime tra i migranti e i profughi».
Ogni giorno, da più di vent’anni, collaborando con le associazioni e gli enti territoriali, la comunità Oasi2 lavora per una migrazione senza tratta, contrastando tutte le forme di sfruttamento sessuale e lavorativo, con un’unità di strada attiva nelle province di Bari, Bat e Foggia, e servizi territoriali e residenziali per la pronta accoglienza e l’integrazione. Nel 2016, ha sottoscritto con la Regione Puglia la convenzione per il progetto ‘La Puglia non tratta. Insieme per le vittime’, nell’ambito dei programmi di assistenza e inclusione sociale e lavorativa a favore delle persone vittime della tratta. Solo nell’ultimo anno, la Comunità Oasi2 ha supportato 65 donne vittime di tratta, prevalentemente nigeriane, nel complesso percorso di emersione dalla condizione di sfruttamento sessuale e riconquista della propria vita e ha incontrato con l’unità mobile di strada oltre 500 persone vittime e potenziali vittime di sfruttamento sessuale e/o lavorativo, lungo le statali e nei casolari di campagna abbandonati.
«La tratta viene da lontano ma lo sfruttamento si consuma sulle nostre strade, nelle nostre campagne», commenta a riguardo Ilaria Chiapperino, referente per la Comunità Oasi2 del progetto regionale ‘La Puglia non tratta’. «Il fenomeno è molto cambiato negli ultimi anni senza, per questo, perdere le caratteristiche odiose di aggressività e pervasività sul territorio. Cambiano le rotte, cambiano i modi con cui le vittime di tratta arrivano in Italia. Sempre più spesso, sono stipati neibarconi e, lì dove qualcuno percepisce solo l’invasione di migranti, si nascondono minori, persone che hanno subito abusi e violenze già durante il transito, insomma i più vulnerabili fra i vulnerabili». «Accogliamo dunque l’invito di Papa Francesco, ad unire le forze e a garantire protezione e assistenza alle vittime», conclude Gianpietro Losapio, presidente della Comunità Oasi2.

Oggi punto su di me. Gruppo di psicoterapia

Oggi punto su di me

Ogni venerdì, dalle 18 alle 20, nella sede della Comunità Oasi2 San Francesco Onlus, a Trani (via Pedaggio Santa Chiara, 57/bis), tornano gli appuntamenti di ‘Oggi punto su di me’, il gruppo di psicoterapia per persone con dipendenza patologia da gioco d’azzardo, condotto da Luisa Marino, psicologa e psicoterapeuta. Gli appuntamenti rientrano nelle iniziative di ‘Dedalo e Icaro. Centro aperto a bassa soglia e unità di strada per persone dipendenti da sostanze, da alcol e da gioco, per il territorio di Trani-Bisceglie’.

Per tutte le info su ‘Dedalo e Icaro’ è possibile contattare il numero 393.8365649 oppure il numero 0883.4992014, oppure inviare una mail all’indirizzo dedaloicaro.oasi2@gmail.com

20-21 giugno. Giornata mondiale del Rifugiato. ISTANTANEE di profumate suggestioni a cura degli ospiti della Comunità Oasi2.

Tutto nasce dai loro occhi. Occhi curiosi, che interrogano, scrutano, temono, si fidano, rincorrono, attendono…si fermano. Tanti sguardi, istantanee inespresse. Poche parole, difficile esprimersi nella nostra lingua, meglio guardare e tacere…ogni tanto una parola, ma perlopiù tacere. Nasce allora l’idea, “Day Off “. Per il 20 Giugno, giornata mondiale del Rifugiato, diamo loro spazio…tempo…luogo. I protagonisti saranno loro, gli ospiti della Comunità Oasi 2.  I loro stessi smartphone e qualche macchinetta usa e getta e via si parte a catturare immagini, finalmente fermarle su carta e potersi narrare, raccontare sé e il loro mondo con i loro occhi.

E poi un giorno arrivano Aldo e Mirella. Aldo è un ragazzo barbuto e spigoloso, ma simpatico, concreto. Nella vita cattura immagini… lui…così vive. Mirella ha i capelli rossi ed è una donna determinata. Li abbiamo chiamati perché insegnassero ai provetti fotografi a smanettare al meglio con le macchine fotografiche… ma si rivelano subito molto di più…un catalizzatore, una scintilla che da vita alla creatività, una rampa di lancio che libera voli e sogni, vissuti e speranze.

Poi ci ritroviamo tutti intorno ad un proiettore con Aldo, Mirella, gli operatori di Oasi2 e i mediatori….e allora si liberano le parole, si sciolgono, impregnano le immagini di profumate suggestioni… le colorano.

Ancora un’idea: andiamo in gita tutti insieme a visitare la World Press Photo a Bari! Noi piccoli fotografi…osserviamo, scrutiamo i grandi fotografi. Le foto dei barconi, del mare, dei salvataggi…di quelli che non ce l’hanno fatta . E’ il momento della malinconia, del ricordo rimosso, delle lacrime trattenute per troppo tempo…del fratello perduto nel viaggio.

Qualcuno sceglie di raccontarsi a parole, nella propria lingua, attraverso i mediatori, ha bisogno di tirar fuori, di riconoscersi e farsi riconoscere attraverso il linguaggio. Racconta di assenza, mancanza, diversità, nostalgia, confine, momenti di bisogno e spaesamento. E il racconto è una cura.

La fotografia è diventata un ponte capace di rompere le barriere tra tre soggetti: il fotografo, il soggetto ritratto e l’osservatore che a sua volta ne diventerà un interprete. Il potere evocativo delle immagini da la capacità di toccare l’interiorità delle persone al di là del dato rappresentato.

“…Le immagini sulla carta o nella mente non sono importanti in sé.

Sono solo agganci.”

C.S. Lewis, Diario di un dolore

banner_evento

Nuove opportunità di lavoro in Oasi2

La comunità Oasi2 San Francesco Onlus per ampliamento organico ricerca 4 profili professionali.

Nei file allegati trovate il dettaglio delle posizioni aperte e i termini di scadenza per la candidatura.

Inviare Lettera di Presentazione e CV a: centrostudi@oasi2.it  all’attenzione del dott. Antonio Casarola avendo cura di indicare in oggetto il riferimento al numero di Posizione.

 

Vacancy_001_Communication OFFICER_Oasi2

Vacancy_002_Responsabile Controllo di Gestione_Oasi2

Vacancy_003_Fundraiser_Oasi2

Vacancy_004_Educatore Centro diurno Demenze

 

Bando per la selezione di 924 volontari da impiegare in progetti di servizio civile nazionale nella Regione Puglia.

Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile ha pubblicato il bando per la selezione di 47.529 volontari di SCN per la realizzazione di progetti in Italia e all’estero.

http://www.serviziocivile.gov.it/menusx/bandi/selezione-volontari/bandoord2017/

http://serviziocivile.regione.puglia.it/

La Comunità Oasi2 San Francesco Onlus si è aggiudicata la gestione di due progetti e per questo seleziona n.5 volontari:

  • 3 volontari per il progetto “Controvento contro le dipendenze”
  • 2 volontari per il progetto “Migr-Azioni. Attività di strada, accoglienza e inserimento lavorativo.”

Scadenza entro le ore 14,00 del 26 giugno p.v.

La domanda, firmata dal richiedente, deve essere redatta secondo il modello riportato nell’ Allegato 2  con la scheda di cui all’Allegato 3, contenente i dati relativi ai titoli.

Gli allegati sono scaricabile da questa pagina o dal sito del Ministero e della Regione Puglia.

Si prega di attenersi scrupolosamente alle istruzioni riportate in calce ai documenti, e di allegare alla documentazione la fotocopia di valido documento di identità personale.

Le domande possono essere presentate esclusivamente secondo le seguenti modalità:

  • a mezzo Posta Elettronica Certificata (PEC) da inviare a: oasi2@pec.it
  • a mezzo “raccomandata A/R” indirizzata a Comunità Oasi2 in via Pedaggio S. Chiara, 57/bis Trani
  • a mano presso la sede della Comunità Oasi2 in via Pedaggio S. Chiara, 57/bis a Trani tutti i giorni dalle ore 9.00 alle ore 13.00 e dalle ore 17.00 alle 19.30.

Ulteriori informazioni sul progetto, potranno essere richieste direttamente agli operatori della Comunità Oasi2 tutti i giorni dalle ore 9.00 alle ore 13.00 e dalle ore 17.00 alle 19.30.

Il referente del Servizio Civile è Antonio Casarola, tel. 393/8365649.

NON E’ POSSIBILE PRESENTARE DOMANDA PER PIU’ DI UN PROGETTO, A PENA DI ESCLUSIONE DALLA PARTECIPAZIONE A TUTTI I PROGETTI A CUI SI RIFERISCE IL PRESENTE BANDO.

Allegato2_Domanda_di_ammissione

Allegato-3-Dichiarazione-Titoli

Allegato6-Sintesi-Progetto – MigrAZIONI

Allegato6-Sintesi Progetto CONTROVENTO

Prima mappatura nazionale della PROSTITUZIONE DI STRADA

Il 3 maggio scorso, per la prima volta in Italia, l’unità di strada di Oasi 2, che opera da anni per l’emersione, l’identificazione e la tutela delle vittime di tratta a scopo di sfruttamento sessuale, è uscita nelle ore diurne e notturne contemporaneamente ad un ampio numero di Unità di strada afferenti alle Reti Nazionali, per costruire un osservatorio nazionale delle presenze in strada delle persone che si prostituiscono. Il dato complessivo è di 3.280 persone osservate, molte delle quali già conosciute, agganciate e contattate dai servizi in un costante e capillare lavoro di prossimità e vicinanza con persone che vivono condizioni di sfruttamento, vulnerabilità o di libera scelta.

MAPPATURA NAZIONALE DELLA PROSTITUZIONE DI STRADA