Dall’accoglienza all’integrazione: il ruolo delle regioni. Conferenza finale Com.In.3.0

Com.In.3.0

‘Dall’accoglienza all’integrazione: il ruolo delle regioni’, è il tema della conferenza finale del progetto “Com.In.3.0 – Competenze per l’integrazione” a cui hanno lavorato, dal 2017, la Regione Campania (capofila di progetto), con le regioni Basilicata, Calabria, Puglia e Sicilia e il Consorzio Nova. Grazie al co-finanziamento dell’Unione Europea e del Ministero dell’interno, nell’ambito del Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione, le cinque Regioni del Sud hanno fatto rete per potenziare e migliorare le proprie capacità di gestione dei servizi rivolti ai cittadini stranieri, regolarmente presenti sul territorio.

Al termine di un lungo percorso di formazione e di capacitazione istituzionale, a cui hanno partecipato 732 operatori pubblici e privati di oltre 300 istituzioni provenienti da 18 territori provinciali, il progetto presenterà risultati generali e prospettive nella conferenza finale in programma il 19 e il 20 giugno, a Palazzo Falletti (via Panisperna, 207), a Roma.

In tutto, sei le sezioni di lavoro. Si comincia il 19 giugno, alle 14.30, con gli interventi dei rappresentanti delle Regioni partner. La seconda sezione è dedicata alle situazioni di grave marginalità sociale e prevede l’intervento dei Commissari Straordinari di Governo, nominati per le aree del Mezzogiorno in cui la concentrazione di lavoratori stranieri, in strutture di accoglienza informale, crea maggiore allarme sociale. La prima giornata di lavoro si chiude con un approfondimento su lavoro, giovani, emigrazione e immigrazioni.

La seconda giornata si apre con cinque workshop paralleli su lavoro, scuola, accoglienza, capacity building e complementarietà dei fondi. Le attività di discussione e confronto permetteranno di scambiare esperienze, modelli d’intervento e buone prassi. L’ultima sezione è dedicata alle strategie integrate di governance e alla centralità del sistema di partnership, sviluppato e rodato tramite Com.In 3.0, per le azioni strategiche future.

Comments are closed.