Opportunità Garanzia Giovani a Oasi2

Opportunità garanzia giovaniLa Comunità Oasi2 San Francesco offre la possibilità di effettuare un periodo di tirocinio presso uno dei propri servizi, grazie a Garanzia Giovani.

Se sei quindi un giovane tra i 15 e i 29 anni, residente in Italia, cittadino comunitario o straniero extra UE, regolarmente soggiornante, non impegnato in un’attività lavorativa né inserito in un corso scolastico o formativo, potrai accedere a Garanzia Giovani e così entrare a contatto con la Comunità Oasi2 San Francesco Onlus. Impegnata da più di 30 anni nei settori delle dipendenze patologiche, delle migrazioni, della prevenzione e promozione del benessere, oltreché della ricerca e innovazione sociale, la Comunità Oasi2 cerca, in particolare, tirocinanti da inserire nei servizi socio-sanitari e di assistenza sociale. In particolare, siamo attualmente interessati a figure da formare in questi ambiti professionali:

  • operatori per la manutenzione e la cura del verde da impegnare in progetti di agricoltura sociale
  • addetti alla segreteria, per attività di front office e accoglienza

Insieme alle opportunità legate a Garanzia Giovani, sarà possibile attivare anche altre forme di volontariato e tirocinio.

La Comunità Oasi2 San Francesco Onlus ha sede nel centro storico di Trani. Tutte le informazioni sui servizi e i progetti attivi è possibile visitare il sito www.oasi2.it. Per inviare il proprio cv, è sufficiente inviare una mail all’indirizzo centrostudi@oasi2.it e all’indirizzo hr@oasi2.it

Prima conferenza nazionale delle operatrici e degli operatori SPRAR

Sprar RomaCi siamo anche noi alla Prima conferenza nazionale delle operatrici e degli operatori SPRAR in corso oggi e domani (lunedì 19 e martedì 20 febbraio) a Roma.

L’appuntamento, rivolto a rappresentanti di tutti i progetti SPRAR, è volto a cementare un linguaggio comune e una consapevolezza su quegli aspetti che caratterizzano, in ciascun progetto, il cosiddetto “modello SPRAR”, oramai ampiamente riconosciuto anche fuori dai confini nazionali, proprio a partire dalle figure professionali coinvolte.

Sono gli operatori dei progetti che, nel quadro di natura pubblica garantita dalla titolarità dei Comuni, portano avanti la rete SPRAR con una professionalità e una dedizione che richiede di essere riconosciuta, raccontata e scambiata.

Il programma completo della due giorni è disponibile qui: http://bit.ly/2okZqiK

Tutti nel borgo antico a Bisceglie. Sensibilizzazione contro le dipendenze

Tutti nel borgo antico a Bisceglie

Una serata di informazione e sensibilizzazione contro le dipendenze da sostanze, alcol e gioco d’azzardo. Stasera, venerdì 9 febbraio, dalle 22 in poi, 10 operatori del progetto ‘Dedalo e Icaro’ per la prevenzione, la cura e la riabilitazione delle persone con dipendenza patologica, saranno a Bisceglie, nei luoghi della movida, per incontrare giovani e giovanissimi.
L’appuntamento è in via Cardinale dell’Olio, angolo via Tupputi, nel cuore del borgo antico. Sarà allestito un punto informativo per la distribuzione di materiale e per un primo contatto con giovani e adolescenti, così come già realizzato a dicembre nel centro storico di Trani.
L’iniziativa rientra fra le attività del progetto Dedalo e Icaro, centro aperto a bassa soglia e unità di strada, per persone dipendenti da sostanze, alcol e da gioco, attivo per il territorio di Trani – Bisceglie, finanziato dall’ambito di zona dei due comuni, e gestito dalla Comunità Oasi2 San Francesco Onlus. Collaborano all’iniziativa gli esercenti e i gestori dei locali e delle attività commerciali che hanno deciso di sostenere l’iniziativa.

Giornata Mondiale contro la Tratta. Garantire protezione e assistenza alle vittime

 Altro 1 di 7.819 Giornata Mondiale contro la TrattaRicorre oggi la Giornata Mondiale di Preghiera e Riflessione contro la Tratta. Papa Francesco l’ha ricordato ieri, in occasione dell’udienza generale: «Avendo poche possibilità di canali regolari – ha precisato il Santo Padre – molti migranti decidono di avventurarsi per altre vie, dove spesso li attendono abusi di ogni genere, sfruttamento e riduzione in schiavitù. Le organizzazioni criminali, dedite alla tratta di persone, usano queste rotte migratorie per nascondere le proprie vittime tra i migranti e i profughi».
Ogni giorno, da più di vent’anni, collaborando con le associazioni e gli enti territoriali, la comunità Oasi2 lavora per una migrazione senza tratta, contrastando tutte le forme di sfruttamento sessuale e lavorativo, con un’unità di strada attiva nelle province di Bari, Bat e Foggia, e servizi territoriali e residenziali per la pronta accoglienza e l’integrazione. Nel 2016, ha sottoscritto con la Regione Puglia la convenzione per il progetto ‘La Puglia non tratta. Insieme per le vittime’, nell’ambito dei programmi di assistenza e inclusione sociale e lavorativa a favore delle persone vittime della tratta. Solo nell’ultimo anno, la Comunità Oasi2 ha supportato 65 donne vittime di tratta, prevalentemente nigeriane, nel complesso percorso di emersione dalla condizione di sfruttamento sessuale e riconquista della propria vita e ha incontrato con l’unità mobile di strada oltre 500 persone vittime e potenziali vittime di sfruttamento sessuale e/o lavorativo, lungo le statali e nei casolari di campagna abbandonati.
«La tratta viene da lontano ma lo sfruttamento si consuma sulle nostre strade, nelle nostre campagne», commenta a riguardo Ilaria Chiapperino, referente per la Comunità Oasi2 del progetto regionale ‘La Puglia non tratta’. «Il fenomeno è molto cambiato negli ultimi anni senza, per questo, perdere le caratteristiche odiose di aggressività e pervasività sul territorio. Cambiano le rotte, cambiano i modi con cui le vittime di tratta arrivano in Italia. Sempre più spesso, sono stipati neibarconi e, lì dove qualcuno percepisce solo l’invasione di migranti, si nascondono minori, persone che hanno subito abusi e violenze già durante il transito, insomma i più vulnerabili fra i vulnerabili». «Accogliamo dunque l’invito di Papa Francesco, ad unire le forze e a garantire protezione e assistenza alle vittime», conclude Gianpietro Losapio, presidente della Comunità Oasi2.

Oggi punto su di me. Gruppo di psicoterapia

Oggi punto su di me

Ogni venerdì, dalle 18 alle 20, nella sede della Comunità Oasi2 San Francesco Onlus, a Trani (via Pedaggio Santa Chiara, 57/bis), tornano gli appuntamenti di ‘Oggi punto su di me’, il gruppo di psicoterapia per persone con dipendenza patologia da gioco d’azzardo, condotto da Luisa Marino, psicologa e psicoterapeuta. Gli appuntamenti rientrano nelle iniziative di ‘Dedalo e Icaro. Centro aperto a bassa soglia e unità di strada per persone dipendenti da sostanze, da alcol e da gioco, per il territorio di Trani-Bisceglie’.

Per tutte le info su ‘Dedalo e Icaro’ è possibile contattare il numero 393.8365649 oppure il numero 0883.4992014, oppure inviare una mail all’indirizzo dedaloicaro.oasi2@gmail.com