Sprar

SPRAR, Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati

La Comunità Oasi2 da luglio 2016 partecipa alla rete dei progetti territoriali di accoglienza SPRAR in qualità di ente gestore in accordo con i Comuni di Molfetta, Barletta e con l’ambito territoriale Trani-Bisceglie. Il Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati (SPRAR) è costituito dalla rete degli enti locali che, per la realizzazione di progetti di accoglienza integrata, accedono, nei limiti delle risorse disponibili, al Fondo nazionale per le politiche e i servizi dell’asilo. I progetti territoriali SPRAR garantiscono interventi di “accoglienza integrata” che superano la sola distribuzione di vitto e alloggio, prevedendo in modo complementare anche misure di informazione, accompagnamento, assistenza e orientamento, attraverso la costruzione di percorsi individuali di inserimento socio-economico.

Indirizzi e recapiti

SPRAR Molfetta
Tel: 392 6192538
Email: sprarmolfetta@oasi2.it

SPRAR Trani-Bisceglie
Tel: 392 5496696
Email: sprartranibisceglie@oasi2.it

SPRAR Barletta
Tel: 393 9373843
Email: sprarbarletta@oasi2.it

Tipologia dell’utenza accolta:

  1. 100 posti per richiedenti e titolari di protezione internazionale, sussidiaria e umanitaria: uomini singoli, donne singole e nuclei familiari.

Modalità di accesso, permanenza e uscita dal progetto

Si accede al progetto territoriale SPRAR mediante segnalazione del servizio centrale.

La segnalazione al servizio centrale può essere effettuata da enti di tutela, associazioni, centri di accoglienza CARA, CAS, Servizi Sociali.

Percorso di accoglienza:

L’accoglienza nel progetto SPRAR è di 6 mesi ma la durata può variare in base ai percorsi individuali di ciascun beneficiario, previa autorizzazione da parte del servizio centrale.

L’obbiettivo del percorso di accoglienza è quello di sostenere il beneficiario nella ri-elaborazione del proprio progetto di vita e accompagnarlo alla ri-conquista della propria autonomia.

L’équipe multidisciplinare lavora in sinergia per individuare i bisogni, le aspettative, le risorse di ciascun beneficiario al fine di elaborare, in accordo con la persona, un progetto individualizzato di accoglienza integrata. Durante la permanenza del beneficiario, l’équipe monitora l’andamento del progetto individualizzato di accoglienza integrata, rinegoziandone i contenuti in base alle necessità che emergono.

All’interno del progetto vengono offerti i seguenti servizi:

  • mediazione linguistica e interculturale;
  • accoglienza materiale;
  • orientamento e accesso ai servizi del territorio;
  • formazione e riqualificazione professionale;
  • orientamento e accesso a percorsi alfabetizzazione in lingua italiana e di istruzione per gli adulti
  • inserimento scolastico dei minori
  • orientamento e accompagnamento all’inserimento lavorativo;
  • orientamento e accompagnamento all’inserimento abitativo;
  • orientamento e accompagnamento all’inserimento sociale;
  • orientamento e accompagnamento legale;
  • tutela psico-socio-sanitaria.

Uscita dal progetto

Al termine dei sei mesi di accoglienza l’équipe multidisciplinare con i referenti dell’ente locale, valuta il percorso effettuato dal beneficiario verificando il raggiungimento degli obiettivi esplicitati nel progetto personalizzato di accoglienza integrata, e qualora sia necessario, può richiedere una proroga al servizio centrale.

La revoca dell’accoglienza può essere effettuata, in accordo con l’Ente Locale, in caso di grave violazione del
regolamento interno.